Finanziamenti: Prestiti Personali, Cessioni del Quinto e Mutui

Il prestito personale è una soluzione di finanziamento che consente di richiedere una somma di denaro per fronteggiare delle spese, acquistare beni o servizi, o semplicemente per disporre di una maggiore liquidità. Erogati da tutti gli istituti di credito e le società finanziarie autorizzate, i prestiti personali prevedono per il soggetto richiedente il possesso di alcuni requisiti, primi fra tutti una buona stabilità finanziaria. Un requisito indispensabile per garantire la restituzione della somma ricevuta secondo le modalità e le tempistiche previste dal contratto.

Una volta identificato l’istituto di credito in grado di offrire le condizioni di finanziamento più vantaggiose, è possibile presentare l’apposita richiesta di prestito allegando tutta la documentazione necessaria. I requisiti minimi previsti dalla normativa prevedono per il richiedente un’età compresa tra i 18 e i 70 anni, (anche se il limite massimo d’età può subire delle variazioni in base alle procedure adottate dall’istituto di credito prescelto) e una capacità di rimborso compatibile con tutte le altre spese ricorrenti (come bollette, altri finanziamenti o mutui in corso, e tutte le altre uscite mensili).

Durante la fase di istruttoria – ovvero di valutazione della richiesta di finanziamento – l’istituto di credito effettua tutte le dovute indagini, valutando anche il passato creditizio del richiedente. Se durante questa fase di valutazione dovessero emergere delle criticità, potrebbe essere necessario ricorrere a delle garanzie aggiuntive, come ad esempio l’intervento di un garante o la sottoscrizione di una polizza assicurativa, in modo da limitare il rischio di mancato rientro della somma erogata per gli istituti di credito che erogano il finanziamento.

Una volta accettata la richiesta di finanziamento, la somma viene versata interamente sul conto corrente del risparmiatore, che ne potrà disporre secondo le sue esigenze. La restituzione dell’importo ricevuto viene definita dal piano di ammortamento, ovvero il documento che definisce il numero e l’importo delle rate di rimborso, le scadenze e tutti gli altri dettagli.

I principali player in questo mercato sono: le banche tradizionali (es. IntesaSanpaolo, Unicredit), finanziarie specializzate (es. IBL, Fiditalia, Findomestic, Compass, Agos) sia online che nelle proprie filiali/agenzie territoriali

Quando occorre l’intervento di un garante

Se le garanzie fornite dal richiedente non dovessero rivelarsi sufficienti per l’istituto di credito, potrebbe essere necessario l’intervento di un garante. Il garante è una persona, fisica o giuridica, che si impegna ad intervenire – tramite la sottoscrizione di una fideiussione - qualora l’intestatario originario del finanziamento non dovesse riuscire a sostenere il pagamento delle rate di rimborso.

Sarà quindi proprio la persona garante – detto fideiussore – ad assumersi l’obbligo del rimborso del prestito, non farlo significherebbe esporsi all’applicazioni di penali che prevedono anche il pignoramento dei beni di proprietà. Per svolgere il ruolo di garante è indispensabile dimostrare di avere una situazione finanziaria stabile.

Tipologie di finanziamento

Il mercato creditizio offre varie tipologie di finanziamento in grado di soddisfare le diverse esigenze e finalità d’impiego dei risparmiatori. I prestiti personali, ad esempio, includono i prestiti finalizzati e i prestiti non finalizzati. Particolarmente richiesti sono anche i prestiti con cessione del quinto dello stipendio o della pensione, mentre per le richieste di denaro più elevate è possibile valutare i mutui liquidità.

- Prestiti finalizzati e prestiti non finalizzati

Per ottenere un prestito finalizzato è necessario specificare la finalità di impiego della somma richiesta, ad esempio l’acquisto di un’auto. In questi casi la somma di denaro viene erogata dalla società finanziaria direttamente al venditore, grazie a delle particolari convenzioni stipulate tra le parti. I negozianti hanno la facoltà di proporre questi tipi di prestiti alla loro clientela, direttamente in fase di acquisto. Il rimborso resta quindi a carico del cliente e avverrà sempre attraverso il pagamento di rate mensili o a scadenza periodica.

Per ottenere un prestito non finalizzato non occorre invece fornire all’istituto di credito alcuna motivazione o indicare la finalità d’impiego della somma. In caso di accettazione della richiesta, il denaro viene versato direttamente sul conto corrente del richiedente che ne potrà disporre liberamente.

- Prestito con cessione del quinto dello stipendio o della pensione

Con la cessione del quinto è possibile ottenere della liquidità e detrarre la rata di rimborso mensile direttamente dallo stipendio o dalla pensione percepiti mensilmente. Particolarmente apprezzata dai risparmiatori, questa soluzione di finanziamento offre la garanzia di una rata di rimborso fissa e sostenibile, che non potrà subire variazioni per tutta la durata del contratto e sarà “proporzionale” alle entrate mensili. Infatti, l’importo della rata non potrà mai superare un quinto dello stipendio al netto delle ritenute fiscali o della pensione del richiedente.

Possono richiedere un prestito con cessione del quinto tutti i dipendenti statali, dipendenti privati a tempo indeterminato e pensionati INPS (ex INPDAP). Anche per gli istituti di credito concedere un prestito con cessione del quinto comporta dei vantaggi, primi fra tutti la riduzione del rischio di insolvenza, ovvero la possibilità di non vedere rientrare la somma erogata.

Infatti, oltre a detrarre l’importo della rata direttamente dalla fonte di reddito del richiedente, in caso di mancato pagamento gli enti che erogano il denaro potranno avvalersi del TFR maturato dal lavoratore o della copertura assicurativa obbligatoria prevista sia per i lavoratori sia per i pensionati.

Per questa ragione la somma richiedibile tramite cessione del quinto è sempre proporzionale al TFR maturato o alla pensione percepita. Inoltre, in caso di necessità è possibile richiedere ulteriore liquidità prolungando la durata del finanziamento.

- Mutuo liquidità

Per le somme di denaro particolarmente elevate – in genere superiori ai 40.000 euro - è invece possibile ricorrere ad un mutuo liquidità. Per ottenere questo tipo di finanziamento è necessario essere proprietari di un’abitazione, su cui non dovrà esserci alcuna ipoteca. Infatti, oltre a fornire tutta la documentazione che attesti una situazione finanziaria stabile, questa soluzione di finanziamento prevede la stipula di una nuova ipoteca sulla casa di proprietà.

Solo una volta concluso il periodo di rimborso, il titolare del finanziamento tornerà ad essere pienamente proprietario dell’immobile che aveva posto a garanzia.

© 2020 - 2030 by Quintus d.o.o.

Quintus d.o.o., Kidriceva ulica 19, 5000 Nova Gorica, Slovenia, ID ZA DDV: SI17046459

Il servizio di mediazione creditizia è gestito da PrestitoSuper S.p.A., società di mediazione iscritta nell’elenco OAM n° M462